Tags

Riempivi una volta il vuoto,

ora una voragine ti inghiotte.

Ed io impotente,

ti vesto con orpelli d’effimero

per non soccombere.

E giunge forte la voglia

di scalciare,

di urlare,

di correre,

di smuovere il mondo,

di smuovere te,

di far vivere me.

Advertisements