Tags

, , ,

Aveva l’andatura sprezzante
di chi non aspettava,
di chi non si aspettava,
nulla.

Camminava,
con l’equilibrio delle proprie spalle
ad ostentare la voglia
di non cadere mai.

Ed osservavo,
ad ogni passo uno sguardo
fisso a scavare,
verso i miei timori.

Quanta strada hai percorso?
E sei arrivato poi?

Di antichi equilibri non parli più,
il passo è stanco da pesanti corse,
e lo sguardo,
si colora di nuove carezze.

Advertisements