“No Rules Words” è uno dei miei personali miti.
Lui sicuramente ne riderà, e anche se non lo conosco personalmente, ho idea che scuoterà la testa imbarazzato, ma sa che lo ammiro tantissimo.
Oltre ad essere un brillante scrittore, è dotato di ironia e di una fantasia straordinaria, che gli permette di essere prolifico come pochi.

Il mio post di questa sera è dunque dedicato a lui, in particolare al suo ultimo articolo, che vi consiglio davvero di leggere in quanto parodia di una situazione in cui mi sono trovata alcune volte: I bandi di concorsi letterari.

Sfido tutti coloro che come me hanno partecipato ad uno di questi concorsi (ne esistono centinaia) a trovare discostante la descrizione di Norules.
Buona lettura.

Advertisements