Tags

, , , ,

Ricordi,
il buio improvviso sull’Eden,
e noi
di peccato tacciati,
senza indugio cacciati.
Ricordi,
agli occhi tentatori,
di lui
tu preferisti i fili d’erba,
io li guardai senza timore.
Ricordi,
le sue parole invitavano al rosso,
quella mela
spaventato cercasti di trattenermi,
fu primo istinto senza ragione.
Ricordi,
un morso e ti guardai soddisfatta,
voglia e terrore
per te era ancora mela,
per me era giá peccato.
Ricordi,
il buio improvviso sull’Eden,
e noi
di peccato tacciati,
senza indugio cacciati.