A Roma ce so’ nata ch’era giugno,
cor sole che magari s’era perso
er cielo prometteva d’esse’ terso,
nessuno s’azzardava a fasse ‘r bagno.

Ricordo tutt’intorno ‘n gran macello,
de’ camici dar bianco ch’abbagliava
mi’ madre ch’a momenti ce restava,
pe famme ‘sci’ più grossa de ‘n vitello.

Quelli me tiravano e strillavo,
soprattutto te co’ l’occhio storto,
si sapevo parla’ te ce mannavo.

Ma a me de nasce proprio nun m’annava,
me c’avete fregata co’ l’inganno,
che una più cojona nun ce stava.

 

Advertisements