Sempre Massimo….

massimobotturi

L’estate s’è bevuta i girovaghi, i bambini.
Nei prati le altalene non cigolano affatto.
Le sette hanno la sbornia di foglie decedute
le spiagge messe a pecora piangono, e va bene
a noi già titolari di neon alle officine.
Va bene all’impiegata sul ballatoio a fumare
s’è messa anche un golfino, ha coperto le sue rose.
L’estate è un bel leone di pietra in riva a un parco
il naso fatto via coi pugnali
il bel vedere, tastato dalle onde più alte
le lettighe, per pesci doppiamente distratti.
È digerita
nel ventre molle di questa vita, vacca porca
che passa sotto il naso che sembra un aeroplano
un mosca a cui han tagliato le ali.
È una fornace
coi suoi metalmeccanici in sciopero, è l’audace
soltanto nei fumetti e in Motel d’ordine quattro.
Le pale sul soffitto colore biancheria
sveltina e poi passare a ben altro,
che allegria!

View original post

Advertisements