Tags

, , , , ,

Doverosa premessa:
Su Facebook mi è capitato di stringere amicizia con molti dei “bloggari” WP.

Ultimamente con alcuni di loro, faccio parte di un gruppetto di folli che si divertono a creare delle MINI-OPERE in sole diciassette parole, chiamati per comodità “Seventeen” (17). I requisiti da rispettare sono il numero categorico di parole, e il tema settimanale, che ruota intorno ad una parola scelta.
Perché proprio diciassette? Non lo so, provate a chiederlo a I Tacchi a Spillo, che ne è creatrice e amministratrice.
E’ un gruppetto ludico e stimolante, e tra i molti scritti più o meno seri il mio lato demenziale si trova davvero bene.

Da qualche giorno ormai, i miei “17” hanno un protagonista seriale che viene puntualmente messo alla prova dalle difficoltà della vita quotidiana.
Parlo di “difficoltà”, perché il poveretto fatica ad affrontare alcune normali situazioni a causa del suo animo particolarmente sensibile e della sua indole da sognatore.
E’ un Poeta, e quando si ha uno spirito nobile come il suo, ogni cosa assume un contorno sfumato…ma gli altri non lo capiscono, non lo accettano, la sua donna (co-protagonista delle sue vicende) lo ridicolizza, e lui resta vittima incompresa di un mondo che non è pronto per la poesia.

Mi sono divertita a raccoglierne le gesta EROICHE in questo post, per presentarvelo, lui potrebbe essere l’alter-ego di molti di voi, un po’ sfigato forse, ma nessuno potrà mai uccidere il suo POETICO DISINCANTO.

Dopo questo, la mia reputazione (ne ho una?) sarà completamente rovinata, ma chi se ne frega.

I DRAMMI QUOTIDIANI DI UN POETA, IN 17 PAROLE – LA SERIE:
(I TITOLI CONTENGONO LE PAROLE SETTIMANALI SCELTE COME TEMA)

# 1 L’INCONTRO

Bianca,
sento l’anima mia sfiorare le carni
tue
di passione ardenti.
Vorr…….
<Si, vabbeh, ora scopami.>

# 2 A CENA

Bramo divenir
di cibo un sol boccone,
che soave si posa
sulle labbra tue affam…..
<Il conto!!!!!!>

# 3 LA FEBBRE

Tu,
vile morbo,
spezzi ora il cerchio della vita mia.
Oscura signora,
aspett……
<E metti ‘sta supposta!!>

# 4 LE SPIRE

Amo l’ardore tuo,
gambe a trascinarmi
come spire nell’inf….
………
<Non ho spire..prendo la pillola>

 # 5 GIOVEDI’ GNOCCHI

Profumo,
delicato
greve a tratti.
Memorie di pomodoro
avvolgono soffici accenni di patate,
Di parmig……
<…E magna!!..>

# 6 AL PARCO

Eccomi, panchina,
ch’ancor conservi memoria
del dolce peso di due amanti.
Accoglimi, verde panch…..
……..
<VERNICE FRESCA>

# 7 LA MEMORIA – AL RISVEGLIO

L’alba.
Noi, sfiniti d’amore.
Dimmi che non sto sognando
Anna,
dimmi ch….
…..
<Io so’ Stefania!!>

Prima o poi gli darò anche un nome, per ora mantiene l’anonimato….poeta si, ma discreto.
Valuterò inoltre eventuali proposte cinematografiche…sappiatelo.

Stephy

Advertisements