Tags

, , , , ,

Ho alcuni amici speciali.
Lorenzo è uno di loro.
Di mestiere fa lo scrittore, ma è una copertura.
Ogni volta che entra in una cabina telefonica o becca un tornello girevole, si trasforma in Arricchitore di vite.
È laureato  in Sensibilità, con la specializzazione in Sincerità.
È ormai da tempo nel campo della ricerca scientifica, per scoprire un valido metodo di Sopportazione della mia persona.
Per Hobby colleziona affetto.
Lo scorso anno è stato finalista nazionale di Lancio dell’Ego, battendo ogni record di distanza. (l’Ego non è stato più ritrovato).
Nel tempo libero scrive e pubblica compendi d’emozione tipo questo:

“LA CASA DI GIANNI RODARI

La casa di Gianni Rodari è stata costruita da un muratore distratto, che ha dimenticato di fare il soffitto e la cucina. Per farsi perdonare, l’onesto lavoratore edile l’ha dotata di una grande finestra.
Da lì, Gianni Rodari vede una formica e una cicala. E la sua mente di scrittore pedagogo non si sottrae a un innocuo gioco. Prende carta e penna e scrive:
“La formica ha sempre lavorato e ha tutti i contributi versati per benino.
La cicala ha lo sguardo rilassato, si è appena svegliata e ha pranzato in centro.
La formica ha sempre sollevato pesi ben più grandi delle sue possibilità.
La cicala ha fatto lo stesso, sollevando gli occhi su chi non meritava nemmeno il conforto di uno sguardo.
La formica non è mai arrivata in ritardo. Al suo funerale, si è avvantaggiata per non provocare disdegno e si è infilata da sola in una minuscola cassa di legno.
La cicala arriva sempre talmente tardi che la Morte, stanca di aspettare, va a prendersi un’altra formica, già pronta e pettinata per l’ultimo saluto.”
Poi, non ancora soddisfatto, Gianni Rodari prende un foglio intatto e scrive:
“La lacrima di un bambino viziato pesa meno del vento. Quella di un bimbo che soffre, pesa più del mondo…”
Io mi metto l’anima in pace, prendo mia figlia per le mani e faccio girogirotondo… “

(Lorenzo Bartoli)
…ed io, purtroppo per lui, gli voglio bene…

Advertisements