Tags

, , , , , , ,

C’era na vorta ‘r re de ‘n gran palazzo,
vecchio, co’ du’ capelli e ‘n po’ tirato
che pe’ strusciasse ‘n corpo da reato
faceva feste a corte come ‘n pazzo.

Chiamava du’ ragazze messe bene
pe’ lui e l’altri amici de potere,
che pe’ fasse rimedia’ ‘n bel sedere
dicevano a tutti “so’ solo cene”.

‘Na sera poi j’ariva sta moretta
co’na vita complicata, convenne,
“Vie’ qua, te faccio diventa’ valletta”.

Pe’ finì, era pure minorenne
sta mora, che giocacce è da manetta
ma lui è re, esce sempre indenne.

Advertisements