Tags

, , ,

Grida dietro la porta
e dolori in corsia,
velenosa gramigna da estirpare.
In questo purgatorio d’attesa,
attenta osservo
dell’uomo ogni scomposta frattura,
della mente ogni oltraggioso scherno,
dal mondo ogni tentata fuga.
Mi guardano due occhi veloci al passo
coperti dal velo d’una follia ch’è opaca,
lucido è soltanto il vetro, chiuso,
specchio di sorridenti fantasmi,
affaccio sul vuoto da colmare,
dietro cui Speranza attende l’orario di visita.

Advertisements